Storia dei Krumiri, i biscotti a forma di baffo reale

Inventati da Domenico Rossi nel 1878, ancora oggi sono un fiore all’occhiello della tradizione dolciaria piemontese.

Metti un pasticciere di Casale Monferrato, un biscotto dalla forma curiosa, un’etimologia incerta. E’ questa la ricetta di uno dei dolci piemontesi più famosi in assoluto: il celebre Krumiro di Casale Monferrato.

Continua a leggere “Storia dei Krumiri, i biscotti a forma di baffo reale”

La “caccia selvaggia”: quando il suono dell’aldilà rimbomba tra le Alpi

Schiere di anime dannate si rincorrono nel cielo, tra lampi e fragore di tuoni.

Lo stanco viandante arrancava, sprofondando nella neve fino alle ginocchia. Era in marcia da molte ore ormai: la tormenta l’aveva sorpreso a pochi chilometri dal villaggio. Ancora un valico, un’ultima fatica e avrebbe finalmente potuto posare lo zaino e mangiare un pezzo di formaggio prima di rifugiarsi sotto le coperte.

Fantasticando di queste e di altre cose, il viandante non si accorse che il vento, insieme alla neve pungente, stava trasportando qualcos’altro. All’improvviso si arrestò: vedeva lontane le luci delle prime baite, ma non fu quello ad attirare la sua attenzione. Un rimbombare di zoccoli, accompagnato da urla selvagge e da lampi, quasi lo tramortì dalla paura. Si volse di scatto e la vide, proprio sopra la sua testa. Non avrebbe mai più rivisto il proprio villaggio. La “caccia selvaggia” era lì, dietro di lui, e reclamava l’ennesima anima da ghermire alla vita terrena.

Continua a leggere “La “caccia selvaggia”: quando il suono dell’aldilà rimbomba tra le Alpi”

Maria Bricca, la cuoca che salvò Torino

Un’umile cuoca permise all’esercito sabaudo di rompere l’assedio francese dopo centodiciassette giorni.

Torino, 1706: ci troviamo nel bel mezzo della Guerra di successione spagnola e un esercito di circa 44mila soldati francesi assedia la città di Torino, roccaforte del Ducato sabaudo.

L’assedio durerà centodiciassette lunghissimi giorni, con le truppe francesi infine sconfitte dalla tenacia dei cittadini, unita al genio militare e politico del principe Eugenio di Savoia e del duca Vittorio Amedeo II. E dalla soffiata di una cuoca di Pianezza, Maria Bricca.

Continua a leggere “Maria Bricca, la cuoca che salvò Torino”