Street Art torinese: Borgo Campidoglio e il MAU

Passeggiando per Borgo Campidoglio con il naso all’insù, tra panchine e dinosauri sui palazzi…

Torino è una città di quadrilateri. Piccoli, medi, di grandi dimensioni.

E anche questa storia prende le mosse in un dedalo di strade, nemmeno a dirlo, di un quadrilatero poco distante dal centro, ma che sembra appartenere a un altro secolo: Borgo Campidoglio. Qui il passante potrà perdersi tra strade di sanpietrini e ciuffi d’erba, tra balconi dal sapore retrò e murales colorati, alterando la percezione della grande città e trovandosi catapultato in un vero e proprio museo a cielo aperto.

A cura di Gabriele Richetti

Il borgo degli Artisti

Ci troviamo tra i corsi Alessandro Tassoni e Svizzera e le vie Luigi Cibrario e Nicola Fabrizi, in un quartiere brulicante di vita e aggrappato al bellissimo sagrato della chiesa di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori; una sorta di “paese” dei tempi che furono, con la sua chiesa e i suoi caseggiati bassi dove le persone si osservano dai ballatoi, si ritrovano nei cortili a chiacchierare e si conoscono tutte. La grande città è distante poche centinaia di metri, ma sembra scomparire una volta che ci si inoltra nelle stradine del borgo.

Nato nell’800 come quartiere operaio, idealmente fuori dalla città vera e propria, il borgo è sopravvissuto alle modifiche dei piani regolatori, mantenendo la sua fisionomia. La particolarità di Borgo Campidoglio è quella di essere considerato da sempre un borgo artigiano, una sorta di rifugio per artisti, che hanno trovato il loro habitat ideale tra le osterie e le botteghe del quartiere.

Borgo Campidoglio 1
Incrocio tra Via Corio e Via Musinè

Il Museo di Arte Urbana

All’inizio degli anni ’90, all’interno di un progetto di rivalutazione sociale e urbanistica, si decise di utilizzare alcune pareti degli edifici di Borgo Campidoglio come installazioni fisse del MAU, il Museo di Arte Urbana, primo esempio in Italia di museo urbano permanente a cielo aperto, visitabile gratuitamente semplicemente passeggiando lentamente tra le case.

Vennero realizzati nel tempo una serie di murales e opere d’arte sapientemente nascosti tra le case, ma facilmente visibili camminando con lo sguardo rivolto verso l’alto e ispirati da non poca curiosità e desiderio di scoperta. Alcune opere lasciano davvero stupefatti per il loro colore e per la loro posizione: non solo edifici ma serrande, muretti e cornicioni fanno da sfondo a scorci di arte davvero impensabili.

Grazie al contributo degli artisti in primis e dei proprietari degli edifici, che hanno permesso questo connubio tra arte e urbanistica, il MAU conta oggi ben 172 opere, realizzate da 104 artisti. Una mappa in Via Rocciamelone permette a chiunque di seguire un tragitto ragionato per riuscire nell’impresa di ammirarle tutte: il segreto è dimenticarsi del traffico che scorre poco distante, spegnere il cellulare e dedicare al borgo il tempo che merita. Tra le sue strade non è ammessa la fretta.

Borgo Campidoglio 2
Il pavone di Via Locana

Le panchine di Piazza Moncenisio

Fanno parte del progetto MAU anche le Panchine d’Autore di Piazza Moncenisio, realizzate tra il 2010 e il 2014 e dedicate a grandi artisti tra cui Mondrian, Haring, Warhol, Pollock, Mirò e Picasso.

Il MAU è oggi uscito dai confini del solo Borgo Campidoglio, per farsi ispiratore di diverse installazioni e progetti in varie zone della città, esportando dal quartiere in cui ha sede una filosofia di arte ‘partecipata’ che sembra avere messo radici solide in tutta la città di Torino.

Borgo Campidoglio 3
Panchine di Piazza Moncenisio

Autore: ilvasoditerracotta

Aneddoti e curiosità su Torino e il Piemonte, a cura di Gabriele Richetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...