Maria Cristina di Borbone, la prima Madama Reale

Arrivata a Torino appena tredicenne, Maria Cristina di Borbone diventò la prima Madama Reale.

Il 10 febbraio 1609 una principessa francese tredicenne sposa Vittorio Amedeo I di Savoia, più anziano di lei di ben diciannove anni. Il matrimonio serve a rinforzare l’alleanza franco-sabauda contro la pericolosa Spagna: la giovane sposa è infatti figlia di Enrico IV, primo re di Francia della casata borbonica.

Il suo nome è Maria Cristina di Borbone, fanciulla che sarebbe diventata una delle reggenti più iconiche di sempre, tanto da meritarsi il titolo di prima Madama Reale di casa Savoia.

Continua a leggere “Maria Cristina di Borbone, la prima Madama Reale”

Sotto le bombe: il rifugio di Piazza Risorgimento

Sotto Piazza Risorgimento esiste ancora il rifugio antiaereo più importante di Torino.

Dimenticato per anni e riscoperto quasi per caso a metà degli anni ‘90, dopo aver dato riparo a migliaia di cittadini nei terrificanti attimi di bombardamento della Seconda Guerra Mondiale. È questa la storia di uno dei rifugi antiaereo più importanti di Torino, se non il più importante: il rifugio di Piazza Risorgimento.

Continua a leggere “Sotto le bombe: il rifugio di Piazza Risorgimento”

Il Peñarol: la squadra uruguaiana ispirata da un piemontese

Giovan Battista Crosa, emigrato in Uruguay, diede il via ad una delle più grandi epopee calcistiche di sempre.

Chi poteva immaginare, nel 1891, che il nome della squadra di calcio più titolata dell’Uruguay sarebbe stata ispirato da un emigrato piemontese?

Continua a leggere “Il Peñarol: la squadra uruguaiana ispirata da un piemontese”

Gianduja, la maschera del carnevale piemontese

Alla scoperta di Gianduja, la più cioccolatosa delle maschere.

Basta nominarlo e ci pare di vederlo, tra i vari Arlecchino, Pantalone, Pulcinella e compagnia, allegro come sempre, con l’immancabile codino che spunta dal tricorno, mentre prende sottobraccio la sua bella Giacometta. Inconfondibile da più di due secoli: è Gianduja, la maschera del carnevale piemontese.

Ciò che non tutti conoscono – tuttavia – è la sua nascita, quasi casuale, tra le brume dell’astigiano.

Continua a leggere “Gianduja, la maschera del carnevale piemontese”

Croci, esoterismo e alieni sul Monte Musinè

Il monte alle porte di Torino racconta agli escursionisti innumerevoli misteri.

Per tutti i torinesi, il Musinè è un fratello maggiore.

Se ne sta lì, spelacchiato, come una sentinella stanca all’imbocco della Val di Susa, con alle spalle il ben più imponente monte Rocciamelone. È un’immagine famigliare, una sorta di grossa collina alta 1.150 m che, all’inizio di ogni stagione estiva, diventa meta di allenamento per escursionisti e runner, che lì si esercitano prima di dedicarsi ad altre più ardue imprese.

Ciò che però quasi nessuno conosce è l’alone di mistero che circonda il monte. Perché di strane presenze, segni extraterrestri e leggende, il Musinè può vantarne in gran numero.

Continua a leggere “Croci, esoterismo e alieni sul Monte Musinè”