Flor 61 e il Giardino Roccioso del Valentino

Il Giardino Roccioso, ancora oggi, testimonia la grandiosità dell’esposizione floreale torinese del 1961.

Dal 28 aprile al 15 giugno del 1961, Torino si trasformò nel giardino più profumato di tutta l’Europa. Nell’ambito dell’EXPO per il centenario dell’Unità d’Italia – la famosa Italia ’61 – il cavalier Giuseppe Ratti (il creatore degli occhiali Persol, per intenderci) propose l’installazione di una esposizione floreale negli spazi del Parco del Valentino.

Il progetto entusiasmò da subito: dopo quasi un anno di lavoro nacque così FLOR 61, Fiori del Mondo a Torino. L’esposizione occupò l’intero Palazzo delle Esposizioni e, in esterno, 140.000 metri quadrati del Parco del Valentino.

Continua a leggere “Flor 61 e il Giardino Roccioso del Valentino”

Una storia tutta torinese: i Persol

Una lunghissima storia d’amore tra Torino e l’occhialeria italiana.

Le volte in cui a un torinese viene ricordato come la Persol, noto marchio di montature da vista e da sole, sia nata proprio nella città piemontese, dopo un primo momento di malcelato stupore, ci si sente quasi sempre rispondere con un ben convinto: “Ah ma certo, lo sapevo eh!”. L’interessato mente. Del fatto che i Persol siano nati a Torino, a onor del vero, sono a conoscenza ben poche persone.

Continua a leggere “Una storia tutta torinese: i Persol”

L’antica Piazza delle Erbe: un tesoro nel centro di Torino

Fermiamoci in una delle piazze che meglio hanno rappresentato l’evoluzione della città.

Piazza Palazzo di Città, un tempo conosciuta come Piazza delle Erbe, è una piccola piazza costruita al centro dell’antica pianta romana e medievale di Torino.

La sua storia è fatta di mercati, re sabaudi e luminarie.

Continua a leggere “L’antica Piazza delle Erbe: un tesoro nel centro di Torino”

Storie di un calcio che non c’è più: i fratelli Sentimenti

La spericolata vita sportiva di Sentimenti IV, il portiere dei record.

Nove fratelli, cinque calciatori

Sembrano voler uscire dalle vecchie foto in bianco e nero quasi con sfrontatezza, i fratelli Sentimenti. Fisico tarchiato ma atletico e forte, guardano l’osservatore con una postura da sfida. D’altra parte sono romagnoli, buon sangue non mente.

Vieni qui, vieni a giocare con noi e vediamo come finisce”, parrebbero dire.

Nove fratelli, cinque dei quali (Ennio, Arnaldo, Vittorio, Lucidio e Primo) diventati calciatori. Tanto che, per non commettere errori, sono passati alla storia con il numero romano che li distingueva. Il più famoso dei cinque, l’unico a vantare alcune presenze in Nazionale e una lunga carriera nella Juventus è Lucidio, meglio noto come Sentimenti IV.

Continua a leggere “Storie di un calcio che non c’è più: i fratelli Sentimenti”

I mille colori della periferia

Sediamoci intorno a un tavolo in periferia e gustiamoci una cena dai mille colori.

Un articolo diverso, uno spaccato di vita, uno sguardo ottimista

Questa settimana, Il Vaso di Terracotta ha deciso di spostarsi nella periferia di Torino, leggermente distante dai soliti articoli, per sedersi intorno a un tavolo e sbirciare una semplice serata – immaginaria ma possibile allo stesso tempo – lontano dai riflettori della Storia con la “S” maiuscola. Oggi lasciamo dunque spazio a una ‘storia’ che avrà una minuscola in più rispetto alla sorella maggiore, ma uguale importanza.

Ispirato dall’esperienza di volontariato dell’autore, questo breve racconto vuole essere una speranza di condivisione e rispetto, in una città che, benché definita oggi – pomposamente – ‘metropolitana’, spesso stenta a dare il buon esempio.

Continua a leggere “I mille colori della periferia”