Francesco Delpero, il feroce bandito piemontese

Sulle orme di uno dei più brutali briganti piemontesi.

I briganti ottocenteschi, è risaputo, possono appartenere generalmente a due distinte categorie. La prima: personaggi cavallereschi, alla Robin Hood per intenderci, dal temperamento ardito e graditi alle folle, che rivedono in loro esempi di coraggiosa ribellione al sistema.

La seconda categoria, molto meno onorevole, è quella dei banditi tagliagole, dalla barba nera, avvolti in logori tabarri, spesso nascosti nel buio delle strade come predatori notturni e pronti a depredare (se non a uccidere) il malcapitato bersaglio.

Francesco Delpero, nato a Canale il 18 settembre del 1832, appartiene decisamente al secondo gruppo.

Continua a leggere “Francesco Delpero, il feroce bandito piemontese”

La strage dei piemontesi nelle saline di Aigues-Mortes

Un numero imprecisato di vittime e una delle pagine più nere dell’emigrazione italiana.

Gli episodi di violenza xenofoba, purtroppo, non sono un’esclusiva dei giorni nostri.

Sono ancora vicini i tempi in cui i casi di aggressione erano rivolti verso gli Italiani emigrati all’estero: atti deplorevoli che non si discostano da quanto oggi leggiamo sui giornali a parti invertite.

Una delle immagini simbolo dell’odio verso chi cercava fortuna in terra straniera è la strage di Aigues-Mortes, quando le saline della città francese si tinsero del sangue dei nostri connazionali. Ad innescare la spirale di odio che generò il fatto fu, a quanto pare, una delle prime fake news.

Continua a leggere “La strage dei piemontesi nelle saline di Aigues-Mortes”

Croci, esoterismo e alieni sul Monte Musinè

Il monte alle porte di Torino racconta agli escursionisti innumerevoli misteri.

Per tutti i torinesi, il Musinè è un fratello maggiore.

Se ne sta lì, spelacchiato, come una sentinella stanca all’imbocco della Val di Susa, con alle spalle il ben più imponente monte Rocciamelone. È un’immagine famigliare, una sorta di grossa collina alta 1.150 m che, all’inizio di ogni stagione estiva, diventa meta di allenamento per escursionisti e runner, che lì si esercitano prima di dedicarsi ad altre più ardue imprese.

Ciò che però quasi nessuno conosce è l’alone di mistero che circonda il monte. Perché di strane presenze, segni extraterrestri e leggende, il Musinè può vantarne in gran numero.

Continua a leggere “Croci, esoterismo e alieni sul Monte Musinè”

Delitti ottocenteschi: il processo a Giovanni Pipino

Un duplice omicidio, un colpevole forse innocente, un processo farsa.

Era il 15 settembre 1878, giorno in cui tutta Torino fra canti e suoni si riversava nella vicina borgata della Madonna del Pilone in festa. Verso sera a turbare quell’allegria si diffonde una lugubre notizia: un assassinio fu consumato in città. E se ne divulgano i più terribili particolari. Udite e raccapricciate”.

Questa l’apertura – relativa al delitto Mustone-Magis – di Cronaca dei Tribunali, giornale dedicato al mondo della cronaca nera e dei processi, in un’epoca in cui le vicende che davano scalpore potevano essere morbosamente seguite sulla carta stampata o direttamente nelle aule di giustizia, quasi come delle moderne fiction.

Continua a leggere “Delitti ottocenteschi: il processo a Giovanni Pipino”

Fantasmi & co. nel cimitero di San Pietro in Vincoli

Il primo cimitero di Torino, un luogo intriso di mistero e sorvegliato da una enigmatica statua..

La storia del cimitero di San Pietro in Vincoli

Se potessimo sorvolare il quartiere Aurora di Torino, guardando il dedalo di vie e viette che si snodano sotto di noi (con una visuale dall’alto alla Google Maps, per intenderci) vedremmo incastonata, tra il Sermig e il Cottolengo, una strana costruzione a pianta rettangolare.

Continua a leggere “Fantasmi & co. nel cimitero di San Pietro in Vincoli”