Le cappelle del ritorno alla vita: quando i bambini non battezzati morivano due volte

Un itinerario a ritroso nelle valli alpine, al tempo in cui i neonati morti tornavano in vita per ricevere il battesimo.

Immaginate questa scena. Siamo agli inizi dell’800 in una valle piemontese. È pieno inverno e sta nevicando. Un contadino e sua moglie, avvolti nei mantelli, arrancano nella neve alla luce tremolante della torcia, affondando fino alle ginocchia, e tenendo in braccio un fagotto. All’interno, il loro ultimo figlio, nato e morto dopo pochi minuti, senza avere ricevuto il battesimo. Sono in marcia da qualche ora e si stanno dirigendo verso un santuario, una delle c.d. cappelle “del ritorno alla vita” o santuari à répit.

La storia di questi luoghi si perde nella notte dei tempi.

Continua a leggere “Le cappelle del ritorno alla vita: quando i bambini non battezzati morivano due volte”